CAROLE B.PERRET, Pittura moderna primitivo.

CBPERRET NONNES BARQUE 001
IMG 2275 1
IMG 2277
P1010040
Ref.697
P1010516
P1010526
P1010549
Cb Perret 007 26.02
P1010633
P1020560
P1030247
P1030254
Cb Perret 004 26.02
Ref.588
Ref.621
P1030130

Carole Béatrice Perret è nata nel 1951 a Berna, in Svizzera. Ha esercitato l'illustrazione pubblicitaria a Parigi, Losanna e in free-lance. Oltre alla sua passione per l'equitazione ed i suoi cavalli, è la sua passione per la pittura che l'ha spinta a consacrarsi interamente a quest'arte.

Consigliata da una persona più esperta, si è messa alla tecnica della tempera su tavola di legno. Questa tecnica fu utilizzata all'epoca del Quattrocento, prima della scoperta della pittura ad olio. Oggigiorno la tempera è poco utilizzata, perché richiede abilità ed una preparazione molto minuziosa.

La sua pittura deve essere classificata nell'Arte naïf, anche se si sfiora con certi temi il surrealismo. Non si diventa pittore naïf, si nasce naïf. E uno stato d'anima, non è uno stile.

Dipinge degli "Arlecchini" dove le scene evocano l'universo magico dell'infanzia, dove tutto è possibile, dove i giocattoli s'incarnano e gli oggetti prendono vita. Ma è sopratutto conosciuta per i dipinti che esplorano il mondo della fantasia; dove mette in scena con umore e una delicata impertinenza, delle monache con imponenti copricapi, vestite di blu e di bianco. Lei le declina in tutte le variazioni estravaganti, ma senza scandalizzare. Queste devote un po' angeli un po' streghe, ci prendono volentieri in giro. Lei dice che noi tutti portiamo un'uniforme nella vita...e che l'abito non fa la monaca !

Da diversi anni, CB Perret espone, nelle gallerie in Svizzera e all'estero. Le sue opere fanno parte di collezioni private in Europa, USA, Brasile, Giappone, Medio Oriente, Romania, ecc…"